Shiatsu e Medicina dei Significati

Il primo colloquio è gratuito

Shiatsu e Medicina dei Significati

 

Shiatsu e Medicina dei Significati: la Mano e la Parola.

Una via di riequilibrio e di autoconoscenza

 

 

 

 

 

 

 

Shiatsu: come agisce e a cosa serve 

 

Metodo naturale di prevenzione e di cura, lo Shiatsu utilizza i presupposti dell’antica Medicina Tradizionale Cinese, unitamente a moderne tecniche occidentali, per riequilibrare l’energia degli organi interni e le loro funzioni.

La pressione dei pollici e del palmo delle mani su alcuni punti del corpo (gli stessi dell’agopuntura) agisce in stimolazione delle risorse profonde e immunitarie dell’organismo, risvegliando la naturale forza vitale dalla quale dipende grandemente il processo di guarigione.

La sfera d’azione dello Shiatsu è molto vasta: dal predisporre e favorire lo stato di rilassamento e di recupero dallo stress, al miglioramento di disturbi fisici di tipo fisiologico-funzionale, oltre che locomotorio e articolare. Utilissimo in gravidanza, nell’anziano e nelle disabilità anche gravi, ottimizza la circolazione, armonizza il sistema immunitario e nervoso e ne stimola la risposta. Lo Shiatsu attiva il naturale processo di autoguarigione, inducendo un generale miglioramento della vitalità.

Shiatsu e Medicina dei Significati

 

Le problematiche sulle quali lo Shiatsu agisce positivamente: 

 

sindromi ansioso-depressive, attacchi d’ansia o di panico; disturbi del sonno; situazioni di stress o superlavoro; emicranie e cefalee; patologie dell’apparato locomotore: artrosi, dolori lombari, dorsali e cervicali, sciatalgie, discopatie, periartriti; disfunzioni del metabolismo, in tutti quelle situazioni che prendono origine dallo stress (mal di testa da stress, gastrite da stress, colite da stress, ecc. )

In tutti gli stati di squilibrio del nostro essere, inteso nella sua unità di corpo/mente/spirito, aiuta ad accelerare i tempi di guarigione.

In sinergia con la Medicina dei Significati, si manifesta idoneo come sostegno a terapie di varia natura, nell’integrazione rispettosa delle diverse competenze.

 

Shiatsu e Medicina dei Significati: la Mano e la Parola

 

Lo Shiatsu agisce sul livello energetico della nostra costituzione, invisibile territorio di frontiera che mette in relazione il corpo fisico con la parte più profonda, psichica ed emozionale, dell’essere. Ogni organo ha infatti un preciso “compito emozionale” da svolgere, oltre alla funzione fisiologica comunemente nota: il fegato controlla la rabbia, il cuore la gioia, i reni la paura, il polmone la tristezza e via dicendo… Riequilibrare un organo e la sua funzione energetica, significa dunque sostenere non solo l’organo fisico ma anche la “funzione psichica” che questo organo riveste.

Potendo agire su questo “doppio fronte”, lo Shiatsu costituisce dunque una modalità di intervento privilegiato. Fornendo stimoli di rilassamento profondo, “addestra” il ricevente a gestire più efficacemente il dialogo con lo stress.

Tuttavia, le sedute di Shiatsu che la Medicina dei Significati propone, non si limitano all’esecuzione di una tecnica atta a propiziare rilassamento ed equilibrio energetico. In speciale sinergia con esso, la Medicina dei Significati prevede la guida e il sostegno, da parte dell’operatore, alla comprensione del linguaggio del corpo, con lo scopo di cogliere le indicazioni che esso fornisce attraverso il sintomo e la patologia.

 

Un ponte tra il corpo e la mente

 

Basandosi delle conoscenze della millenaria Medicina Tradizionale Cinese, lo Shiatsu riesce a creare un ponte tra la realtà del corpo fisico-energetico e quella più sottile della mente e del mondo interiore.

La Medicina dei Significati si occupa da più di vent’anni anni di tessere questo “ponte” tra le diverse realtà che costituiscono l’essere umano. Per questo motivo essa vede in questa metodologia uno strumento privilegiato che permette di far entrare la persona in una particolare condizione di rilassamento. Condizione speciale da cui parte, per il ricevente, la possibilità di entrare in contatto col proprio essere nella sua globalità, divenendo così in grado di attingere alle risorse profonde, fisiche, psichiche ed energetiche.

Nelle sedute vengono insegnate le tecniche opportune (esercizi di respirazione, rilassamento, yoga) per mantenere l’equilibrio energetico ma, soprattutto, se la persona ne esplicita l’interesse, essa viene messa sulla strada di un cammino di comprensione e di consapevolezza per non vedere più nel “problema” o nella “malattia” un nemico ma un alleato, foriero di molte risorse.

Comprendere è, per noi, iniziare a “guarire”dove l’uso di questo termine (che assolutamente non si pone in sostituzione di nessun tipo di cure mediche o psicologiche) indica unicamente il ritrovato “cammino di consapevolezza” in armonia con il progetto di vita che l’anima sottende e invisibilmente disegna.. 

 


 

Commenti chiusi