Dal sintomo al simbolo

decodificare il linguaggio simbolico della malattia per attivare profonde e inattese risorse di guarigione. 

Corso approvato SIAF, codice PVI-007/426/18 per un totale di 24 ECP

 

simbolo - Dal sintomo al simbolo

 

L’uomo che comprende un simbolo

non solo si apre al mondo oggettivo,
ma allo stesso tempo riesce anche a
emergere dalla propria situazione
personale per raggiungere una
comprensione dell’universale… 

 

Grazie al simbolo, l’esperienza individuale

viene risvegliata e si tramuta in azione spirituale.

Mircea Eliade

“Habentibus symbolum, facilis est transitus”

 

Prossima data: Milano, 17/18 novembre 2018 – Iscrizioni entro giovedì 8 novembre 2018.

Agevolazioni previste per le iscrizioni entro il 31 ottobre e per gli iscritti SIAF (Gli sconti non sono  cumulabili).

 

La Vita è densa di simboli e il corpo, come parte di essa, parla attraverso un linguaggio simbolico: comprenderlo è “premessa di benessere” perché permette di attivare risorse profonde che sostengono il riequilibrio e la guarigione.

Il Simbolo è una zattera che unisce le due sponde del fiume, permettendo al “senso” di slittare al di là dell’orizzonte del vissuto e della propria esperienza; apre alla fluttuazione dei significati, che è conoscenza del cuore; unisce fra loro “terre lontane” ma, soprattutto, traghetta verso nuovi piani di consapevolezza.

L’addestramento della “coscienza simbolica” apre nuovi orizzonti alla percezione di realtà profonde, dove siamo i creatori e non le vittime degli eventi.

Il seminario si basa sulla sintesi di alcune fra le più importanti “strade” conoscitive: il modello di lettura fornito dalla grande studiosa Annick de Sounzenelle (di cui il corso fornisce una preziosa introduzione), la fisiologia occulta di Rudolf Steiner, la Medicina Tradizionale Cinese, la visione immaginale e le suggestioni della fisica quantistica. 

 

PROGRAMMA E STRUTTURA del corso

 

Dal sintomo al Simbolo, corso di primo livello:

2 incontri di 8 ore ciascuno, per un totale di 16 ore

Corso base di I° livello, volto all’addestramento della “mente simbolica”, completo in sé ma sensibile di continuazione su argomenti di volta in volta dettagliati.

Fonti principali: Annick de Sounzenelle, la fisiologia occulta di Rudolf Steiner, la Medicina Tradizionale Cinese e le suggestioni della quantistica.

 

Argomenti principali:

– i 4 diversi “livelli” dai quali “leggere” e comprendere il messaggio della malattia o del problema e lo sviluppo della consapevolezza simbolica

– i 3 “regni”, le tre terre o “luoghi corporei”, nelle quali si manifesta il sintomo, sia nel corpo che nella dimensione sociale e relazionale (lavoro, affetti e relazioni, pensiero e dimensione interiore nella relazione con sé), secondo il modello di Annick de Souzenelle.

– metodiche per la ricerca del “simbolo” che il sintomo evoca, attraverso il “Metodo Immaginale” (“habentibus symbolum, facilis est transitus”)

– i principali “punti ad elevata dignità energetica” (punti di agopuntura, trattabili manualmente)

– tecniche di autoascolto e bodyscan, di sblocco delle principali “porte psicosomatiche” (zona pelvico-lombare; plesso solare, gola)

– incontro con alcuni casi specifici

 

Imparerai a:
  • conoscere le principali relazioni energetiche tra luoghi corporei, organi ed emozioni
  • “far parlare” il sintomo e disporti al suo ascolto
  • attivare i 5 passi del “percorso di guarigione” e le principali “tecniche di sblocco psicosomatico”
  • svelare e riconoscere la “strada di riequilibrio” che il sintomo stesso ti rivela
  • cogliere i nessi fra le cose (l’entanglement, o pattern nascosto, che lega il visibile all’invisibile, delle cose come degli eventi)

 

Metodologia:

Gli incontri si basano sul metodo di Loredana Filippi, elaborato in merito al progetto Medicina dei Significati, che coniuga le conoscenze delle principali relazioni tra psiche e corpo (secondo la Medicina Tradizionale Cinese) alla dimensione “immaginale”: questa riconosce la possibilità di modificare il programma inconscio, cambiando le immagini che lo abitano.

L’apprendimento si basa anche sulla pratica, attraverso il confronto attivo di alcuni casi proposti e sull’utilizzo di strumenti correlati, come le tecniche di autoascolto e bodyscanner.

L’intento, oltre che conoscitivo, è dunque anche esperienziale e metodologico, basato sulla convinzione che il vero apprendimento possa passare solo attraverso la propria esperienza, personale, in questo caso legata alla pratica dell’autoascolto, della non-interpretazione e, in definitiva, dell’allenamento della consapevolezza analogica e simbolica.

 

Articoli e approfondimenti, sul “vecchio sito” di Medicina dei Significati

 

Clicca QUI per tutte le altre Informazioni!

 

 


Simbolo

Simbolo

Simbolo

 

 

Commenti chiusi