Struttura del corso

Albero della vita - Struttura

 

 

“… il mito è l’apertura segreta attraverso la quale le inesauribili energie del cosmo si riversano nelle manifestazioni della cultura umana” J. Campbell

 

 

“Grazie al linguaggio simbolico, il corpo non è più ridotto alla povertà dell’organismo, ma è il punto in cui si raccoglie una mitologia che, da lì, si espande per l’universo, consentendo al corpo sofferente di esportare, lontano da sé, il proprio dolore” U. Galimberti

 

 

Struttura del corso:

seminari della durata di 4/8 ore, in aggiornamento. Ogni seminario è indipendente e sarà opportunamente segnalato appena ne verrà predisposta l’organizzazione

 

Argomenti trattati:

I tre piani di costituzione dell’essere umano e le relazioni con lo sviluppo della consapevolezza (campi gestazionali e organi-seme)

Relazioni con l’Albero della Vita della tradizione giudaico-cristiana (Kabbala)

Il Mito in relazione ai principali luoghi corporei

Cenni di medicina energetica (MTC) in relazione ad essi

 

Struttura base e Primi incontri: 

I: Introduzione e “fase al nero”: il corpo dai piedi alle anche

  • Il viaggio “dai piedi alla testa”. Introduzione alla lettura ontologica del corpo umano. I tre piani di costituzione dell’essere umano e le relazioni con lo sviluppo della consapevolezza (campi gestazionali e organi-seme). 
  • La colonna vertebrale e la verticalizzazione della coscienza. Relazioni con l’Albero della Vita della tradizione giudaico-cristiana (Kabbala)
  • I due lati del corpo umano e il mistero del “capovolgimento degli archetipi”. L’illusione del tempo e i miti della gemellarità.
  • Il piede e il cammino degli inizi.
  • Le gambe, le anche
  • Il bacino e la generatività ontologica

 

II: “fase al bianco”: il corpo dalle anche alle spalle

III: “fase al rosso”: il corpo dalle clavicole alla sommità della testa

IV: “fase all’oro”: dal “significato “ al “senso”. Verso un nuovo orizzonte.

  • Sangue e midollo, i più misteriosi ed elevati luoghi del corpo. 

 

Cosa impari e cosa sperimenti:

– dalla fisiologia organica alla fisiologia psicoenergetica degli organi: apprendere la “lettura in trasparenza”. Vieni immediatamente introdotto in un allenamento, imparando a cogliere i nessi che legano e collegano le cose, nell’invisibile. In fisica moderna, si direbbe “riconoscere l’entaglement”, o l’INTERDIPENDENZA. 

– Apprendi le relazioni energetiche tra zone riflesse e organi interni, ma anche emozioni e storia biologica, personale e genealogica (la colonna vertebrale riassume la nostra storia personale, ma anche quella della nostra famiglia). Essa è un vero e proprio “albero genealogico”.

– Sperimenterai cosa significa “contattare” i vari luoghi corporei ai vari livelli: fisico, energetico, psichico e ontologico.

– Inizi a stabilire una relazione tra componente ENERGETICA del corpo/psiche umano, grazie alla Medicina Tradizionale Cinese, e una componente ONTOLOGICA, antichissima, della quale parlano i miti e le tradizioni. Per spostarci, gradualmente, da una visione personale, ad una visione molto più ampia.

– Cominci a riconoscere i miti collegati ai vari luoghi corporei.

– Apprendi ad “ascoltare il mito”, non solo a conoscerlo, per riscoprire il “tuo” significato e le immagini che lo nutrono.

– Impari a riagganciare queste visioni diverse e lontane, che tuttavia parlano sempre e solo di un unico soggetto: te stesso, ovvero l’essere umano e la sua storia.

 
 
A chi si rivolge:

il corso, teorico-esperienziale, si rivolge a tutte le persone interessate ad approfondire la propria conoscenza e consapevolezza, nonché la propria salute globale, sul tema del corpo e del linguaggio universale che esso parla.

Particolare utilità potranno coglierne coloro che operano, o intendono operare, nel campo della salute, sia fisica che psichica, o della relazione d’aiuto: counselor, coach, ma anche medici e psicoterapeuti in attività che desiderano aggiungere nuovi strumenti, utili al proprio personale cammino di crescita, come al loro approccio professionale.

In particolare si rivolge a chi riconosce che, nel linguaggio del mito, si celano i segreti di tutta la vicenda umana, da sempre narrati attraverso le immagini che questo riflette e con le quali esso “costruisce” sia il nostro corpo che la nostra storia. 

Questa iniziativa – che la dott.ssa Filippi, relatrice, con l’Associazione Medicina dei Significati, coltiva da molti anni – si rivolge in realtà a chiunque desidera esplorare nuovi orizzonti per fare un lavoro su di sé, o per trovare un senso nuovo alla sua vita personale e/o professionale.

Essa si rivolge a chi, infine, desidera avvicinarsi ad una “visione di significato” e di comprensione del messaggio che la malattia, o “il problema”, porta sempre con sé, quale passo indispensabile per camminare verso una autentica “guarigione”.

 


Obiettivo:

La consapevolezza: conoscere per poter ri-conoscere, tornando ad “essere ciò che realmente siamo”

 

Perché partecipare:

Forse per un unico motivo: che si apprende unicamente quando ci si nutre di significato.. quando ci si ricorda… quando si vive un’emozione…

 

Dettagli:

 

Orari:

 

Luogo:

Centro Ahimsa, Via Marciano 9, Milano (zona città studi – bus 54, 93). Visualizza mappa

Per chi desidera pernottare: B&B Settimo Cielo,Via Marciano 9, 20133 Milano, stesso palazzo del centro Ahimsa, tel: 393 534 1216

Costo e modalità di iscrizione:

In Aggiornamento

Per gli iscritti SIAF (Società Italiana Armonizzatori Familiari) il costo sarà di 90 euro, compresa la tessera associativa.

 


 

Commenti chiusi